Rifugio Vallanta
Rifugio Vallanta
Rifugio Vallanta
Rifugio Vallanta
Rifugio Vallanta
Rifugio Vallanta
Rifugio Vallanta
Rifugio Vallanta
Rifugio Vallanta
Rifugio Vallanta
Rifugio Vallanta
Rifugio Vallanta
Rifugio Vallanta
Rifugio Vallanta
Nuova realizzazione del Rifugio Vallanta a Ponte Chianale (Cuneo)

Il rifugio è stato costruito a 2500 metri d’altezza, subito sotto la parete ovest del Viso, lungo un itinerario di salita molto frequentato e realizzato con sistemi tradizionali come la muratura portante perimetrale realizzata con la pietra reperita sul posto, la struttura verticale interna, gli orizzontamenti e il tetto, realizzati con malte e calcestruzzi con inerti – sabbia e ghiaia - estratti dal piccolo lago, in alta montagna dagli uomini del Cai di Saluzzo nel corso di dieci anni, lavorando solo durante i mesi estivi. è stato aperto nel 1988, quindi costituisce un esempio realizzato con tecnologie tradizionali e forse non così aggiornate rispetto agli esempi sin ora presentati. Il nuovo rifugio è stato collocato in un luogo orograficamente lungamente verificato, protetto dalle slavine e dalle valanghe, in un contesto ambientale in cui i fattori climatici, il vento, l’azione del gelo, della neve erano stati sperimentati e testati, anche in funzione di un cantiere previsto per molti anni. Per questo motivo, anche facendo uso di modelli, è stato verificato sul posto l’orientamento del fabbricato, adattandolo al sito e alla struttura, non modificabile, del fondo roccioso. 

L’edificio, che appare da lontano come un grande diedro in pietra a pianta triangolare, è coperto da un tetto a falda unica rivolta a sud, per permettere il rapido scioglimento dei depositi di neve. Sull’asse principale sono collocati l’ingresso, le scale rotonde in ferro - quella interna centrale e quella esterna - e i due abbaini del primo e secondo piano. La scala interna, per evitare il rischio di rumori, in particolare quelli delle partenze notturne, è realizzata con gradini in lamiera insonorizzata con calcestruzzo e rivestiti di gomma. La scala a chiocciola esterna, pur protetta superiormente, ha gradini in lamiera grigliata, per consentire la salita, anche quando la neve, spinta dal vento, penetra all’interno e forma accumuli gelati.

 

L'opera è pubblicata in "Ottagono", n. 82, 1986; in Vallanta, come nasce un rifugio, Saluzzo, 1988, in “Alp”, n. 60, aprile 1990; in Architettura in Piemonte 1980-69, Saggio introduttivo al catalogo della mostra, Electa Editrice, Milano 1990; in “Casabella” n. 572, ottobre 1990, in A. De Rossi, Architettura alpina moderna in Piemonte e Valle d’Aosta, Torino 2005.  Inoltre consegue segnalazione al Premio Regionale IN/ARCH 1990 per il Piemonte.

 

1977 - 1988

 

Committente: Cai Saluzzo

 

con B. Bellezza