Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
Palazzina di Caccia di Stupinigi
PALAZZINA DI CACCIA DI STUPINIGI.
Allestimento del percorso museale per la mostra “Stupinigi Tempo Primo”

Il percorso si sviluppa a partire dall’ingresso della cancellata della corte d’onore, con possibilità di visita libera alla corte d’onore, e conduce alla biglietteria e quindi all’atrio.

Dalla galleria d’ingresso, allestita con il grande cervo presentato su un nuovo supporto, i medaglioni lignei restaurati e la storia dei restauri della Palazzina, si può accedere ai servizi igienici e al guardaroba. Sempre dalla galleria di ingresso, si accede, attraverso la scala o l’elevatore, al percorso museale di visita alla Palazzina.

Il percorso museale si sviluppa attraverso la Biblioteca alfieriana l’atrio dell’Appartamento di Levante, la Galleria di Levante e, tramite la scala juvarriana, giunge nel corpo centrale dove attraversa la Sala degli Scudieri e accede al Salone Centrale. Dal Salone Centrale ci si affaccia sull’Appartamento della regina, si visita l’Anticamera del Re, affacciandosi sulla Camera da letto, ci si affaccia sulla sala della cappella e si procede al percorso di ritorno, riattraversando la Sala degli Scudieri e la Galleria, sino all’atrio degli appartamenti reali, ai quali si accede, tramite l’anticamera, seguendo il percorso d’onore che trova la sua conclusione nella sala da gioco. Di qui, passando dalla Camera delle Guardarobe nella Biblioteca alfieriana, si conclude il percorso di visita.

Il percorso di visita è realizzato tramite una passatoia in moquette con funzione di protezione del pavimento esistente e di delimitazione del percorso. E’ integrato nelle singole stanze da ampliamenti o isole di sosta dotate di leggio con informazioni sui locali e sugli arredi esposti. L’illuminazione avviene dai lampadari storici cablati, ove necessario integrati dalla presenza di corpi illuminanti sui montanti-dissuasori o di piantane autonome. 

 

 

2010-2011

 

Committente: Fondazione Ordine Mauriziano

 

 

RESTAURO

ALLESTIMENTI