_DSC0917ok l
Appartamento del Re
Appartamento del Re
Appartamento del Re
Appartamento del Re
Appartamento del Re
Appartamento del Re
Appartamento del Re
Appartamento del Re
Appartamento del Re
Appartamento del Re
Appartamento del Re
Appartamento del Re
Appartamento del Re
Appartamento del Re
Restauro dell'apparato decorativo dell' Appartamento del Re

L’intervento su una superficie decorata di oltre 1.100 mq, riguarda il completo restauro degli apparati decorativi dei cinque ambienti principali e dei locali accessori dell’appartamento del Re, in particolare dei dipinti murali delle volte e delle pareti, delle boiserie dipinte e dorate, della tappezzeria novecentesca, della carta da parati, dei serramenti, dei camini e della pavimentazione in seminato. La ricollocazione degli arredi, dopo le travagliate vicende, dei ritratti, dei paracamini e dei lampadari consente una lettura completa dell’intero appartamento nella sua sfolgorante bellezza e complessità.

L’anticamera conserva in gran parte la sua identità decorativa settecentesca: la volta con le “Storie di Diana” del Milocco, i pannelli delle porte e delle ante con i paesaggi di Scipione Cignaroli e le scene di paese nella zoccolatura, le splendide tele dell’Olivero, gli arredi di Bonzanigo. La camera da letto permette la lettura di diverse fasi conservative: la volta del Milocco con il cornicione in stucco dorato, la complessa boiserie delle porte e della zoccolatura del Fariano e il prezioso pregadio del Piffetti sono testimonianza della straordinaria fase decorativa settecentesca, mentre la decorazione degli sguinci e delle ante delle finestre, insieme alla tappezzeria in seta ricamata a catenelle e alla pavimentazione, appartiene a fasi successive.

Originale il piccolo locale adibito a servizio igienico con dipinti murali con mattonelle alla maniera delle ceramiche bianche e blu di Delft portate. Nel gabinetto da toeletta sono stati restaurati la volta decorata a grottesche da Fariano: le angoliere di Servozelli, il camino in marmo, il pavimento in seminato alla veneziana e ricollocati il grande ritratto di Polissena d’Assia e le tele sovrapporta con motivi floreali.

La galleria verso il salone centrale, dipinta da Pietro Antonio Pozzo, ha permesso di ritrovare la “mano” di Juvarra attraverso la scoperta delle cromie originali, dei particolari decorativi e nello scenografico rapporto con la grande architettura del Salone

Tutte le aperture finestrate sono state dotate di pellicole anti u.v. al fine di preservare l’apparato decorativo e i preziosi arredi di tutto l’appartamento.

2016 -2017

Committente: Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino

RESTAURO

ALLESTIMENTI