Duomo di Torino
Duomo di Torino
Duomo di Torino
Duomo di Torino
Duomo di Torino
Duomo di Torino
Duomo di Torino
CATTEDRALE  DI SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO
Interventi di conservazione e restauro della facciata
 

La facciata, completamente rivestita in marmo bianco venato proveniente dalle cave della val di Susa, presenta un disegno, risalente agli anni 1491-98, che riproduce fedelmente i canoni architettonici dettati dai trattati del Rinascimento. L'architettura, spartita in due piani da una grande trabeazione, è sormontata da un frontone triangolare raccordato da volute ed è scandita verticalmente da lesene binate che incorniciano i tre portali, decorati con sintassi sorprendente e gusto, nel contesto locale, di assoluta rilevanza. L'impianto della facciata e di buona parte dei conci in pietra che ne costituiscono il rivestimento è ancora quello originale. Nella parte inferiore, dal piano del pavimento della chiesa sino al sedime della piazza, l'impianto del sagrato rinascimentale e della scalinata è stato del tutto cancellato dall'attuale risalente alla fine dell'Ottocento.

 

Gli interventi di restauro hanno comportato in fase preliminare il preconsolidamento dell'apparato scultoreo a rischio e delle lastre verticali aperte e instabili, la pulitura, e quindi il consolidamento delle lacune e fessurazioni del paramento e dei giunti di allettamento a base di iniezioni di miscele leganti e con cuciture con tondini di acciaio delle parti lisce. Tutte le cornici lapidee delle modanature sporgenti dei portali e tutte quelle presenti sulla facciata sono state protette con malta e copertura in piombo. Le lastre in pietra delle volute sono state rimosse e sostituite, previo il consolidamento del muro di sostegno della cornice. Il restauro delle parti scolpite ha comportato particolari attenzioni e grande cura: tutti gli elementi scolpiti giudicati instabili sono stati preconsolidati e protetti e in seguito si è proceduto alla pulitura e a piccole reintegrazioni. Tutta la pietra della facciata, ad esclusione delle parti scolpite, è stata trattata con un protettivo idrorepellente traspirante.

 

 

2001- 2003

 

Committente: Parrocchia San Giovanni Battista – Cattedrale Metropolitana, Torino

 

Indagini diagnostiche e chimiche: L. Appolonia (Soprintendenza ai Beni Culturali della Regione Autonoma della Valle d'Aosta)

Studio dei litotipi e del loro comportamento fisico: M. Gomez (Politecnico di Torino).

 

CATTEDRALE  DI SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO
Restauro e riuso della Chiesa inferiore
1/1

RESTAURO

1/1

ALLESTIMENTI

1/1

PROGETTAZIONE

1/1
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now